Cookie Law: come adeguare il tuo sito web
27 febbraio 2016
comprare fan e followers
Perchè comprare fan e followers non funziona?
3 marzo 2016
Mostra tutto

SEM e SEO: cosa cambia con la rivoluzione degli annunci Google?

Rivoluzione SERP Google per SEO e SEM

Rivoluzione degli annunci Google, cambierà qualcosa per SEO e SEM Specialist?

È di questi giorni la novità in casa Google sulla visualizzazione degli annunci SEM di Google AdWords. Notizia che ha fatto scalpore sopratutto tra i SEO Specialist e i SEM Specialist perchè potrebbe scardinare alcune logiche utilizzate fino ad ora. Ma cambiare le regole del gioco per Google non è una novità.

Com’era

Fino a qualche giorno fa quando si creava una campagna SEM in Google AdWords, Google posizionava gli annunci sponsorizzati su due colonne: i primi tre annunci sopra la SERP e gli altri 8 annunci nella colonna di destra.

Com’è ora

Oggi invece se fai una ricerca su Google vedrai che la colonna di destra è completamente sparita mentre gli annunci sponsorizzati sopra la SERP sono aumentati arrivando ad essere 4, invece a fondo pagina troverai altri 3 annunci sponsorizzati posizionati sotto la SERP. (ndr SERP = Search Engine Result Page cioè risultati organici)

Questa modalità di visualizzazione era già utilizzata nelle ricerche mobile, dove gli annunci venivano già disposti in questa modalità, ora invece Google ha deciso di estendere questo tipo di scelta anche per le versioni desktop dopo mesi di test.

Sono 4 i motivi principali per cui Google ha scelto questa strada per le campagne SEM:

  • la continua crescita del traffico mobile
  • la presenza nella SERP dei product listing ads (PLAs) di Google Shopping e dei risultati della knowledge graph;
  • la necessità di fronteggiare le perdite di Adblock e quelle future dovute alla scomparsa di Adwords su Safari mobile;
  • i risultati premium vengono più cliccati e assomigliano più agli organici;

Cosa cambia per la SEM?

Lato SEM in Google AdWords cambierà il tipo di strategia che i SEM Specialist dovranno utilizzare.

Si, perchè se fino a ieri una strategia SEM, sicuramente contestabile, poteva essere quella di scegliere di puntare dalla 4 all’11 posizione sfruttando il risparmio economico rispetto alle prime posizioni, oggi gli annunci disponibili in prima pagina sono stati ridotti da 11 a 7 di cui gli ultimi tre di dubbia rilevanza visuale.

Una nota a favore di questa disposizione è che ora i primi 4 annunci sponsorizzati prendono più importanza rispetto a prima favorendo il click da parte dell’utente che è costretto a scorrere la pagina per raggiungere risultati non sponsorizzati.

Un altro vantaggio di questa visualizzazione della SEM è che avendo aggiunto un annuncio nel gruppo in alto, sopra la ricerca organica, chi arriva in quarta posizione riceve più visibilità rispetto alla 4 posizione che c’era prima, concorderanno con me gli amanti di software di Eye Tracking.

Infatti tendenzialmente le persone osservano di più la parte centrale ed alta dei risultati di ricerca rispetto ad altre parti, però il problema di importanza di visualizzazione ora si è spostato sugli altri tre annunci mostrati a fondo pagina che probabilmente non verranno nemmeno visti dalla stragrande maggioranza delle persone che si sofferma a cliccare solo tra i primi risultati organici non arrivando nemmeno con lo scroll a fine pagina.

Dal 18 Febbraio 2016 Google ha deciso di lanciare la nuova visualizzazione introducendola gradualmente come si può notare dal grafico riportato qui sotto elaborato da Merkle.
In questi giorni sono aumentati i click agli annunci posizionati in alto e nel frattempo sono calati quelli sulla sidebar e aumentati quelli in fondo. Da notare quello che abbiamo detto poco fa: i click agli annunci in basso che prima non c’erano sono aumentati ma non ancora al livello di quelli sulla sidebar.

SEM: Rivoluzione annunci Google, statistiche Merkle

Staremo a vedere se nel frattempo che andrà a regime questa visualizzazione cambieranno le statistiche.

Un’altra nota a sfavore di questa disposizione è che in questo modo ci sarà più concorrenza nella SEM per apparire in prima pagina, tutto a favore di Google che incasserà qualche soldino in più, ma a sfavore dei Web Advertiser che dovranno mettere ulteriormente le mani nel portafoglio.

Cosa cambia per la SEO?

Lato SEO invece i risultati organici perdono un posto a favore del SEM, questo significa che chi utilizza display di piccole dimensioni come portatili da 13″ o 15″ sarà costretto a fare scroll della pagina per raggiungere i primi risultati organici. Quindi ora i risultati della SERP per cui si è faticato tanto con la SEO a far arrivare in prima pagina perdono un po’ di importanza rispetto a prima. Perchè la disposizione attuale induce l’utente svogliato (ndr. la maggioranza) a cliccare direttamente sugli annunci di tipo SEM o a bloccarsi ancor prima nella SERP invece di raggiungere fine pagina.

Statistiche CTR SEO in SERP

Per cui ora sarà ancora più importante lavorare di SEO per piazzarsi nei primi posti e non accontentarsi di un 10° posto.

Altro svantaggio per la SEO è che la SERP peggiora ulteriormente nei casi in cui si fanno ricerche localizzate dove appaiono anche gli annunci business local. Infatti questi fanno traslare verso il basso i risultati della SERP facendo calare drasticamente il CTR di quest’ultimi.

SEM e SERP business local e adwords

Quindi non ci rimane altro che rimboccarci le maniche e cominciare a lavorare seriamente di SEO per raggiungere la vetta e utilizzare metodi alternativi per essere raggiunti sul proprio sito web.