Incentivi per il turismo digitale
15 luglio 2016
Applicazioni web: standard vs custom
12 gennaio 2017
Mostra tutto

La tua idea di app: il punto di partenza

Hai un idea geniale per una app ma non sai come realizzarla?

Oggi ti aiuteremo a definire e organizzare meglio la tua idea di app e capiremo assieme quali sono i limiti e i pericoli che si nascondono quando si parte con una nuova idea e ci si affida a terzi per svilupparla.

Supponiamo che hai un idea geniale per fare business online, la prima cosa che devi fare è cominciare a definire le specifiche e decidere quali sono gli obiettivi dell’app. Così ti chiarirai ulteriormente le idee e magari riuscirai ad inserire altre funzionalità e/o toglierne di superflue.

Il passo successivo è la ricerca di mercato per capire se l’app che vuoi realizzare esiste già e in caso affermativo se si può continuare oppure lasciar perdere.
Se la tua idea esiste già, ma non ti vuoi arrendere e pensi che puoi offrire un prodotto migliore, devi confrontare la tua idea con le app più simili già esistenti e capire in cosa differisce e quali sono i punti deboli della concorrenza.

Una volta chiarite specifiche e obiettivi per la tua app dovrai definire:

  • il budget
  • il tempo ideale per la pubblicazione
  • la piattaforma di riferimento

Budget

I costi si suddividono in costi fissi e variabili.
Quelli fissi possono essere i costi dell’hosting, registrazione domini, iscrizione sui diversi marketplace per le app mobile. Mentre i costi variabili sono ad esempio il costo per lo sviluppo dell’applicazione e per la promozione della stessa.

I costi di sviluppo li definiamo variabili perchè variano in base a:

  • tipologia di app
  • complessità
  • celerità richiesta per lo sviluppo
  • professionalità

Mentre quelli per la promozione variano in base a:

  • il budget a disposizione
  • gli obiettivi a breve e lungo termine
  • il numero di clienti che si vorrà raggiungere

Per determinare il costo della realizzazione di un’applicazione il punto più importante è la complessità seguita dalla tipologia di app richiesta.
Un applicazione che utilizza reti neurali o algoritmi avanzati di intelligenza artificiale costerà sicuramente di più rispetto ad un progetto vetrina o con funzionalità base (es. l’inserimento di dati).

Infine il paramentro professionalità è relativo al tipo di supporto richiesto. Generalmente affidandosi a dei professionisti diminuisce la probabilità di fregature che sono sempre dietro l’angolo quando si parte in una nuova avventura. Ma anche in questo caso si deve sempre stare in allerta quando si cominciano a sentire cose strane.
Se non si è sicuri di quello che viene offerto l’ideale è fare dei confronti con ulteriori preventivi, non solo in termini economici, ma sopratutto riguardo ai servizi offerti e a come vengono integrati con le varie parti del progetto.

Web Lagoon, per esempio, opera da anni nel settore delle applicazioni e ogni volta che iniziamo un progetto con un nuovo cliente lo aiutiamo a raffinare ulteriormente le idee che ha già. Lo affianchiamo passo passo per arrivare ad un prodotto che sia il più affine con il mercato e con le esigenze del cliente.

Tempo ideale per la pubblicazione

Il tempismo è tutto! Uscire anche solo il giorno dopo il lancio di un prodotto simile al tuo nel campo IT significa essersi giocati tutto. Il tempismo è fondamentale, perchè la tua idea potrebbe avercela avuta già qualcun altro che magari stava già lavorando per pubblicare il suo progetto.
Quindi la regola è: prima pubblichi e più possibilità di riuscita avrai.

Più i tempi sono stretti e la richiesta prioritaria e più diventa oneroso il costo dell’applicazione.

Tipologia e compatibilità

Anche la scelta del tipo di applicazione e su quali dispositivi dovrà girare è uno dei fattori importanti che serviranno a determinare il costo di sviluppo. Il motivo alla base è, anche in questo caso, la complessità che cambia secondo la piattaforma scelta e le esigenze espresse.

Capire se l’applicazione dovrà essere web o mobile è essenziale per poter procedere, perchè permette di capire se intraprendere una strada di sviluppo e successivamente di promozione piuttosto che un’altra.

Paura delle fregature

Il timore che tormenta tutti coloro che hanno un idea ma non possono realizzarla da soli è quello di venir fregati e/o derubati della propria idea. Purtroppo è un’eventualità quando non si firmano contratti o si accettano collaborazioni non a norma.

Consigliamo di essere cauti e di valutare bene chi si ha di fronte e la professionalità offerta. Valuta il portfolio e la tipologia di clienti con cui solitamente l’azienda lavora (piccoli, medi, grandi), in questo modo puoi capire il grado di professionalità anche in base al tipo di collaborazioni intraprese.

Poche collaborazioni ma di lunga durata e con clienti di medio-grande livello hanno un impatto maggiore rispetto a chi ha un portfolio con tanti piccoli clienti.

La cosa più importante da fare in ogni caso è quella di far firmare un documento di riservatezza.

Una volta valutati questi passaggi e preventivo alla mano non basarti esclusivamente sul prezzo finale, ma sopratutto sul tipo di assistenza che riceverete, sull’impatto che avete ricevuto al momento dell’incontro al di là dell’età anagrafica e valutare il grado di professionalità offerta.

Ci sono tanti venditori di fumo: un prezzo eccessivamente basso dovrebbe farti pensare che probabilmente c’è qualcosa sotto. Ad es. poca o nulla esperienza, nessuna assistenza pre o post-vendita, incapacità, probabile rivendita del vostro progetto a terzi alle vostre spalle.

Quindi fare attenzione è la parola d’ordine! Fai le tue valutazioni e medita bene prima di fare la tua scelta.