Risultati Web Marketing: 1° trimestre 2016
14 luglio 2016
La tua idea di app: il punto di partenza
15 settembre 2016
Mostra tutto

Incentivi per il turismo digitale

Male hand drawing the top travel destinations

Se hai un attività turistica e hai sempre voluto realizzare il sito web aziendale per poter far prenotare i clienti direttamente online o semplicemente presentare la tua attività sappi che sei ancora in tempo per gli incentivi per il turismo. Il 2016 infatti è l’ultimo anno utile per presentare la domanda.

Nel 2015 è stato varato con decreto 12 febbraio 2015 il Bonus Turismo digitale, dove si sono tracciate le linee guida del credito d’imposta per accedere a questi incentivi.

Chi sono i destinatari?

Hanno diritto a questi incentivi per il turismo le seguenti categorie:

  • Agenzie di viaggio e tour operator
  • Strutture ricettive (strutture alberghiere con almeno sette camere)
  • Strutture extra alberghiere
  • Aggregazioni (reti d’impresa, consorzi, ATI, organismi similari, fra esercizi ricettivi e soggetti che forniscono servizi accessori al turismo)

La norma riconosce per ognuno degli anni fra il 2014 e il 2016, un credito d’imposta del 30% dei costi ritenuti eleggibili che non siano superiori a 12.500 euro nei tre periodi, da utilizzarsi in compensazione in tre rate annuali di importo costante.

Le spese anche se eleggibili al 100% non possono superare il limite di 41.666 euro per ciascun beneficiario al fine di rispettare il limite massimo del credito d’imposta di 12.500 euro.

Spese ammesse

Di seguito troverai la lista delle spese ammesse suddivise per categoria.

Impiantistica:

  • Impianti wi-fi, purché messi a disposizione gratuita dei clienti e abbiano una velocità di connessione minima di almeno 1 Mbps in download

Applicazioni web, siti web e app mobile:

  • Siti web responsive
  • Siti web, applicazioni web o app mobile per la vendita diretta di servizi e pernottamenti e la distribuzione sui canali digitali, purché in grado di garantire gli standard di interoperabilità necessari all’integrazione con siti e portali di promozione pubblici e privati e di favorire l’integrazione fra servizi ricettivi ed extra-ricettivi

Web Marketing:

  • Spazi e pubblicità per promuovere e commercializzare servizi e pernottamenti turistici sui siti e piattaforme informatiche di settore, anche gestite da tour operator e agenzie di viaggio
  • Consulenza per la comunicazione e web marketing
  • Strumenti di promozione in tema di inclusione e di ospitalità per persone disabili

Formazione:

  • Servizi di formazione per il titolare o il personale dipendente ai fini di quanto sopra previsto

Come fare domanda?

Il bonus turismo digitale è regolamentato anno per anno da un’apposita istanza telematica da inviarsi al Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo dal 1° gennaio al 28 febbraio tramite il Portale dei Procedimenti del Ministero del Turismo.

Ogni domanda sarà riconosciuta nei limiti degli stanziamenti annui disponibili e fino a esaurimento delle risorse, destinate nel 10% del totale alle agenzie di viaggi e ai tour operator.

Fonte: ilSole24ore